Pitagora, Euclide, Speranza, Renzi e Orlando: teoremi e scissioni alla vigilia delle primarie PD. Ci divertiremo…

0
382
Banner gennaio 2017 Image Banner 728 x 90


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il teorema è il seguente: dove il referendum ha punito severamente Matteo Renzi, l’ex segretario ha ottenuto consensi sulla sua mozione. Significa che a dare le carte sono i capibastoni, il PD è in mano ai soliti noti. L’altro teorema, non meno suggestivo del primo, riguarda le primarie. I gazebo, per intenderci. Se saranno in tanti a recarsi alle urne, vuol dire che Andrea Orlando ha fatto la differenza, e la partita è aperta. Altrimenti, Renzi vince malamente, l’afflusso di votanti è modesto, e il Pd mostra il volto del suo declino.

Più che teoremi sono sillogismi, sentenze inappellabili. Che però hanno una peculiarità, di lasciare Renzi nella palude dei perdenti, comunque. Sia che vinca, sia che perda.

Le equazioni, inoltre, hanno un corredo teorico interessante: il Partito Democratico è diventato, a causa dello straripante successo, alla fine del primo tempo, di Matteo Renzi, il famoso PDR, appunto “il partito di Renzi”, evocato per annia dall’ex minoranza interna, ora fuoruscita.

La prova che le cose stiano così è data, per l’appunto, dal livello di invasività del consenso ottenuto dall’ex segretario. Un altro assioma, insomma. Che i renziani smontano facilmente. Ad alzare l’asticella del consenso, infatti, ricordano, hanno provveduto gli scissionisti, andandosene. Mancano loro all’appuntamento, e di conseguenza, le quotazioni di Renzi hanno avuto un balzo in avanti. Non c’era modo migliore per farlo diventare il PDR, che abbandonare il campo. E accettando il ruolo che la democrazia offre a chi non riesce ad avere più consensi dell’avversario. Un ruolo che sulla parola viene rispettato ed entusiasticamente esaltato, ma che in pratica non riesce a subirlo pacificamente nessuno.

Magari le ragioni delle minoranze sono buone, ma i numeri non lo sono e questo basta per mandare tutto a carte quarantotto, quando accanto al dispetto per la sconfitta si dispone di robusti valori alternativi, principi non negoziabili e carisma.

Ciò che probabilmente non viene preso in considerazione da chi tira dritto per la sua strada, sempre e comunque, quando ha la ventura di diventare minoranza, è la stanchezza degli elettori di sinistra o similsinistra. Non ne possono più di scissioni, che puntualmente mandano indietro il partito per il quale si sono spesi, militando, o semplicemente depositando la preferenza nell’urna. Arrivati in cima, o vicini alla meta, ci sono da un secolo e mezzo, quelli che o così o ce ne andiamo. Finisce che gli stanchi stanno dalla parte di chi ha i numeri, piuttosto che dalla parte della ragione.

Senza dire, per concludere, che tutto potrebbe risolversi con una furbata gigantesca. Una distribuzione di Ministeri e di assessorati più equa rispetto al passato, grazie ad una trattativa alla pari fra ex maggioranza ed ex minoranza Pd, diventate due schieramenti politici diversi.

Queste considerazioni sono suggerite dal nuovo fronte polemico, ormai all’orizzonte per

A causa del numero dei partecipanti alle primarie del 30 aprile. “Sarà un successo dai 2 milioni in su”, fissa già l’asticella Orlando. Gli sfidanti di Renzi sono pronti a parlare di segretario dimezzato se l’affluenza non sarà paragonabile a quella del passato. Dalle parti di Emiliano ma anche da quelle di Orlando, c’è la convinzione che più le primarie saranno partecipate, più sarà basso il voto per Renzi. Gianni Cuperlo, poi, ha lanciato un appello a Mdp perchè i dempro sostengano Orlando il 30 aprile. Ma si sa che fine fanno gli appelli di quel galantuomo di Cuperlo. La mossa ha suscitato ironie tra i renziani e la risposta, negativa, di Mdp. “Il Pd si è definitivamente trasformato in PdR, il partito di Renzi. L’alternativa va costruita fuori con i milioni di italiani che vorranno farla”, chiude Roberto Speranza.

Amen.

 

 

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


Tourgest_728x90
OfficineDelTurismo_728x90

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.