Effetto Finanziaria, Asstra Sicilia: ” A rischio trasporto pubblico locale”

0
10


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il trasporto pubblico locale su gomma in Sicilia e’ a rischio a causa dei tagli imposti dalla Finanziaria regionale. L’allarme lanciato dall’Asstra che raccoglie gli operatori del settore, non e’ stato raccolto dal mondo politico e le conseguenze rischiano di essere a carico della mobilita’ dei siciliani e dei livelli occupazionali”. E’ quanto lamenta Claudio Iozzi, presidente di Asstra Sicilia. “Attendiamo ancora di esaminare nel dettaglio le tabelle definitive – aggiunge -, ma dalle notizie avute direttamente dai gruppi parlamentari risulta confermato un taglio medio del 19% per il triennio 2018-2020 nello stanziamento al trasporto pubblico locale previsto nella legge di stabilita’ approvata dall’Ars”. “Non conosciamo infatti – chiarisce il segretario generale Giovanni Foti – l’impatto sullo stanziamento per tut-te le aziende della norma ad hoc approvata per la sola citta’ di Catania, in quanto l’associazione e’ stata in-formata soltanto a cose fatte, mentre ci sono altre aziende trattate peggio che per fare valere i propri diritti sono state e saranno costrette a ricorrere alle azioni legali”. “In pratica il Parlamento ha approvato anche una norma per vincolare una parte dello stanziamento alle esi-genze della Amt di Catania e questo rischia di ridurre ulteriormente i contributi per tutte le altre aziende pub-bliche e private del settore Tpl”, sottolineano dall’Asstra. “Restiamo delusi per la mancanza di attenzione alle esigenze dell’intero comparto e fortemente preoccupati per la tenuta delle aziende. Continua a mancare una programmazione efficace sui trasporti e, mentre a livello nazionale vengono confermati gli stanziamenti per creare un contesto stabile ed affidabile, in Sicilia pur-troppo si decide di andare nella direzione opposta. Senza correttivi alla manovra spariranno anche i servizi minimi fino ad oggi comunque garantiti, con grave pregiudizio per il diritto alla pubblica mobilita’ dei cittadini”, rincara la dose il vice presidente Antonio Gristina.

“Attendiamo ancora di ricevere dei chiarimenti in merito al taglio operato dal governo regionale, non com-prendiamo, inoltre, come possa persistere il ripianamento delle perdite all’Azienda Siciliana Trasporti, a ri-schio impugnativa da parte di Bruxelles in quanto aiuti di Stato, oltre che rappresentare un cospicuo finan-ziamento sottratto all’intero comparto. La Regione dovrebbe puntare sull’efficienza qualitativa e quantitativa dei servizi e sul controllo delle percorrenze chilometriche effettivamente esercitate, non su finanziamenti a pie’ di lista senza alcuna verifica, mascherando con una qualsiasi emergenza le inefficienze gestionali di questo o quel soggetto. Ma di tutto questo nella finanziaria non c’e’ traccia, anzi con l’ulteriore drastico taglio effettuato si condanna l’utenza a ricevere dei servizi mediocri e insufficienti”, denunciano i vertici di Asstra Sicilia. “Nei prossimi giorni riuniremo gli organi collegiali associativi per decidere come meglio tutelare il patrimonio delle aziende e per capire se esistono ancora margini per potere garantire un minimo di mobilita’ ai cittadini. Auspichiamo un segnale in tempi brevi dal governo per comprendere le reali intenzioni sul settore, perche’ non si puo’ piu’ andare avanti sempre e solamente a colpi di tagli ed azioni legali, senza la possibilita’ di una pianificazione a largo respiro”, conclude il presidente Iozzi. (ITALPRESS).

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.