Porto, anello debole sistema trasporti di Palermo, in arrivo 135 milioni

0
16


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

“Oggi la debolezza del sistema a Palermo non è l’aeroporto, che ha preso il volo, nè il trasporto  pubblico dove ci sono tanti cantieri sia in città che fuori già  finanziati. Il vero punto di debolezza è il porto. Dobbiamo dimostrare che possiamo invertire la rotta. La disponibilità del ministero c’e’  tutta”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio  incontrando a Palermo il cluster dell’Autorità portuale della Sicilia  occidentale.

“A Palermo ci troviamo in una  situazione che è da una parte tragica dall’altra comica. Se pensiamo  di affrontare le sfide che si pongono con le infrastrutture che oggi  il porto offre siamo fuori dal mercato. Ma questo non significa che ci dobbiamo demoralizzare, è una sfida da cogliere”. Lo ha detto il  presidente dell’Autorità portuale della Sicilia occidentale Pasqualino Monti incontrando a Palermo il ministro Graziano Delrio.

“La prima cosa da fare -ha aggiunto- è pianificare la demolizione  delle infrastrutture fatiscenti che esistono nel porto e realizzare un programma per costruire quelle strutture che servono per rendere  dignitoso il porto di Palermo. Questa è la via d’ingresso dal mare di  una città meravigliosa e dobbiamo renderla dignitosa”. Per Monti,  “Palermo ha di fronte una sfida importante: pianificare tutto questo e realizzarlo in tempi brevi. Remare tutti nella stessa direzione  significa raggiungere prima i risultati che ci siamo prefissati”.

“Abbiamo sbloccato tre progetti Pon per il porto di Palermo. Arriveranno 135 milioni di euro anche se fra  demolizioni di vecchie strutture e realizzazione di nuove servirebbero 180 milioni”. Lo ha detto il presidente dell’Autorità portuale della  Sicilia occidentale Pasqualino Monti durante un incontro, a Palermo,  con il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio.

Monti ha parlato del piano di rivalutazione del sistema portuale  tramite tre grandi opere pubbliche: “un nuovo waterfront e una  struttura che sarà il terminal crocieristico sul molo Sammuzzo. E’  prevista la riqualificazione e la demolizione dei siti del grano sul  molo Piave – ha spiegato – e la costruzione di un unica struttura che  dovrà ospitare al suo interno tutto quello che sarà demolito lungo la  via Crispi e che oggi in maniera disordinata invade lo skyline del  porto. La terza struttura riguarderà Sant’ Erasmo. Abbiamo già la  progettazione esecutiva con la riqualificazione della zona”.

 

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.