La Sicilia dei tandem: la coppie politiche che pedalano nell’isola

0
15


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il ticket rappresenta il modo con cui gli assistiti contribuiscono o “partecipano” al costo di una prestazione. E’ un termine inglese, che letteralmente significa biglietto, ma anche certificato di valore legale. In Italia il termine è entrato nella cronaca come coppia politica, un modo di etichettare la proposta attraverso due personaggi piuttosto che uno solo (dal francese étiquette)

Il tandem, invece, è una bicicletta per due persone, dotata di due pedaliere sincronizzate, collegate in modo che i due effetti si sommino.

La coppia politica è nata come ticket nella campagna elettorale in corso in Sicilia, poi ha subito una evoluzione, ed è stato preferito il termine tandem. Questo cambiamento in corso d’opera si deve a Gaetano Armao, docente universitario ed amministrativista. Ha accettato di sedere sul sedile posteriore della bicicletta a patto che il ticket diventasse tandem e nell’accezione comune mettesse in luce la parità fra i due componenti della coppia.

Il primo ticket nella storia politica nazionale nasce, dunque, in Sicilia, così come il tandem. E’ stato adottato, oltre che dal centrodestra, che grazie ad esso ha ritrovato l’unità, anche da altre formazioni politiche, precisamente la sinistra e il centrosinistra.

Anche la sinistra ha risolto le sue divisioni con il ticket-tandem, idem il centrosinistra, così abbiamo la coppia Musumeci-Armao nel centrodestra, la coppia Fava-Navarra nella sinistra e la coppia Micari-La Via nel centrosinistra.

Sia il ticket quanto il tandem non trovano nella normativa vigente alcuna comferma. Il Presidente della Regione, infatti, è l’unico rappresentante legale. Può nominare un vicario, che assume le sue funzioni solo nel caso in cui il Presidente sia impossibilitato ad esercitarle.

Chi vuole rimarcare la parità preferisce il tandem, chi invece vuole avvicinarsi alla realtà, privilegia il ticket. Nella pratica di governo l’ottica con cui si guarda il ticket-tandem, è solo politica. Dipende dai rapporti di forza, gli equilibri politici che si creano nel governo ed attorno ad esso. Il partner debole conta di meno anche se ha dalla sua parte la normativa, ma a parità di condizioni non c’è dubbio che a dettare l’agenda politica sarà il Presidente eletto, non il suo partner, seduto sul sedile posteriore del tandem.

Le tre coppie politiche concorrono alla vittoria, ma non è detto che una di esse la spunti, perché il M5S è ben piazzato nelle intenzioni di voto. I sondaggi danno i pentastellati a ridosso del centrodestra, distanti di un punto di percentuale o qualcosa di più. Un margine del tutto insignificante nel calcolo di probabilità.

 

Qual è la coppia meglio assortita? Fabrizio Micari e Giovanni La Via, il tandem di centrosinistra, provengono entrambi dal mondo accademico, l’uno da Palermo, buona affinità, essendo dei tecnici prestati alla politica, ma il mondo accademico è attraversato da profonde divergenze, quindi bisognerà vedere in corso d’opera come si evolverà il lavoro comune.

Nello Musumeci e Gaetano Armao sono due personalità forti, se la loro intesa regge raccoglieranno frutti copiosi, altrimenti sarà cinflittualità permanente e guai conseguenti.

Claudio Fava e Ottavio Navarra sono un tandem assai imprevedibile. Fava ha una grande dimestichezza con il lavoro nelle istituzioni, Ottavio Navarra, vanta una breve esperienza parlamentare (è stato deputato nazionale per due anni circa). Fava appare più flessibile, Navarra non ama allontanarsi dai suoi obiettivi. Le loro chances di successo non sono alte, ma se dovessero farcela, avremmo molte cose da raccontare.

Il laboratorio siciliano sarà pure sgarrupato, ma qualche novità la regala sempre. Il ticket-tandem, per esempio.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.