Cordata patriottica per strappare il Palermo a Zamparini e a una fine ingloriosa

0
862


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Una cordata patriottica per strappare il Palermo a Maurizio Zamparini che piange miseria e portala società a binario morto? E’ questo che un gruppo di imprenditori palermitani si preparerebbero a fare, per ora in silenzio, ed in attesa di saggiare gli umori del “patron”. Il fatto che l’idea si sia fatta concreta e che, ci viene assicurato, siano in tanti a metterci la faccia, è già un gran risultato, perché da trenta anni e più a questa parte, l’ encefalogramma  palermitano è piatto, stato neurovegetativo. Ed ogni volta che si è accennato al soccorso degli imprenditori di Palermo, qualcuno si è chiesto – ironizzando, ma non troppo – se ce ne fossero ancora in giro di imprenditori nel capoluogo siciliano.

Il progetto esiste, e le intenzioni pure. Si tratterebbe di una cordata che mette i soldi e che apre ad un’azionarato diffuso e popolare, allo scopo di dare “il Palermo ai palermitani”. Il modello di riferimento internazionale è il Barcellona o il Real Madrid, e in campo nazionale, Arezzo, Modena e Mantova.

Ci sono due problemi, comunque, da affrontare. Il primo coinvolge direttamente Maurizio Zamparini, il quale da qualche mese a questa parte ha tirato fuori dal cilindro “il fondo pensioni americano”, che segue l’annuncio dell’interesse cinese e la conclusione, negativa, delle trattative di imprenditori italo americani, con la mediazione di “agenti” veneti.

Andando più indietro ricordiamo gli sceicchi arabi, che a fasi alterne hanno fatto “sognare” capitali da nababbi e una squadra imbattibile. Quindici anni con Zamparini, tuttavia, sono un viatico che legittima un colpo di reni degli imprenditori palermitani, i quali finalmente si materializzano, certificando la loro esistenza in vita.

L’altro problema? Voci insistenti riferiscono che il fondo americano sarebbe nient’altro che un espediente per alzare il prezzo da parte di Maurizio Zamparini. IL sospetto potrebbe rivelarsi una bufala, va messo in chiaro, ma nessuno si sorprenderebbe certo di sapere che il patron non ha smesso di essere un businessman.

Giornate delicate, dunque, attendono il Palermo calcio. Sul campo e fuori. Sul campo ormai non c’è che sperare nella professionalità e la buona volontà degli uomini raccolti da Zamparini in vista dell’exit strategy. Serie A o B, comunque, si tratta di evitare che il Palermo non faccia la fine del Venezia, preso in carico da Zamparini, e poi mandato al macero.

 

 

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.