Cardinale Montenegro: Francesco come il Vangelo, ci provoca sempre E in Sicilia….

0
5


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

“E’ motivo di gioia sapere che il Papa ritorni in Sicilia. Ogni volta che il Papa si sposta ‘muove’ qualcosa  e sono certo che questa visita, anche per questo legame particolare a  Padre Puglisi, significherà qualcosa per tutta la regione. Il Papa  quando si muove e quando parla vuole arrivare al cuore di tutti e  credo che la nostra Sicilia abbia bisogno di una parola di speranza e  di sentirsi al centro del cuore del Papa”. Lo ha detto il vescovo di  Agrigento, Cardinale Franco Montenegro, parlando con l’Adnkronos in  vista della visita di Papa Bergoglio in Sicilia, sabato prossimo.

“La venuta del Papa – ha aggiunto- è anche una provocazione. Ci  aspettiamo solo parole di conforto e di amicizia ma il Papa ha sempre  uno sguardo rivolto in avanti. E’ un po’ come il Vangelo: provoca  sempre. E il Santo Padre – ha evidenziato il cardinale Montenegro-  potrà parlare dell’impegno di ciascuno, giovani compresi, affinché  cambi qualcosa. E le cose cambieranno nella misura in cui cambieranno  i nostri cuori”.  “Oggi – ha sottolineato Montenegro che e’ anche  presidente della Caritas- viviamo in una società dove si sta creando  tanto individualismo, dove ognuno guarda a se ed ha paura dell’altro.  Ognuno si isola e in questo isolamento diventiamo periferia”.

“Abbiamo paura gli uni degli altri e stiamo pensando di costruire un  futuro con i muri. Quei muri – ha ricordato- che abbiamo abbattuto  ieri perché pensavamo che rappresentavano un problema ma oggi stiamo  riguardando al futuro ricostruendo muri. O il passato era sbagliato –  si è domandato il vescovo di Agrigento- allora ci vuole un futuro  diverso o se intendiamo ricostruire il futuro come il passato siamo  noi stessi che ci stiamo  condannando a non aprirci a strade nuove”.

“L’amore per la verità – ha proseguito Montenegro- spinge il Papa a  dire la verità. Noi purtroppo preferiremmo star bene tra noi. Ma non è solo l’Europa che sta pagando la moneta della migrazione. Nel mondo –  ha precisato- ci sono 245 milioni di persone che si spostano. E come  detto in altre occasioni, viene chiamato il sesto continente. Se si  regala un mappamondo senza l’America o l’Africa – ha ancora affermato  il cardinale – si regala un mappamondo guasto perché manca un pezzo di mondo. Se io penso ad un mondo senza tenere conto di questo sesto  continente, il mondo che ho in mente è guasto”

Per il presidente della Caritas “le migrazioni sono un  fatto che interessa tutti: l’America, l’Australia, l’Europa. Noi siamo una popolazione di emigranti. Agrigento ha 152mila emigranti. C’è  gente ancora oggi – ha sottolineato- che prepara le valigie e parte.  Oggi in un mondo che si definisce globale, non c’è più io qua e tu  la’. Dovremmo cominciare ad abituarci a convivere insieme”.

“Forse – ha poi affermato Montenegro- dovremo smettere di pensare che  noi siamo la civiltà e noi siamo la cultura. Dobbiamo cominciare ad  accettare che ci sono altre civiltà e altre culture. Se crediamo di  tenere noi le fila di tutto credo che sbaglieremmo anche perché  l’Europa sta scricchiolando”.

“La Sicilia – ha infine detto il vescovo di Agrigento- e’ questa terra bella che la vedo come cerniera tra  l’Europa e l’Africa e dove manca la cerniera il gilet non si può più  mettere addosso. Una cerniera chiamata a fare storia. L’ha sempre  fatta ed ha la possibilità di proiettare anche un continente, il  ‘continente nuovo’ verso il futuro”.

“Noi siciliani, non per vanto vuoto, siamo quelli che hanno sempre  accolto. Su questa terra – ha concluso- si sono incontrate tante  civiltà e questa terra da tutti viene apprezzata perché è diventata  uno scrigno di tesori che non si vogliono perdere. Forse si tratta di  allargare lo scrigno e di metterci più tesoro dentro. E qui, ognuno di noi deve fare la sua parte”.         (Ftb/Adnkronos)

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.