Storie esemplari. LIliana, il tassista, il Pd e la maleducazione

0
375


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
(Liliana Billitteri) Ieri sera, come quasi tutti i martedì, sono stata al mio circolo del Partito Democratico (no no, non è una parolaccia) a condividere alcune riflessioni con alcuni compagni (passatemi il termine retrò). Dopo una bella chiacchierata mi fermo fuori dalla porta con gli ultimi due superstiti che gentilmente hanno aspettato con me che arrivasse il mio taxi. E con loro condividevo, fuori dai denti, che ultimamente comincio a provare davvero ribrezzo per la gente. Per come ci si esprime. Per la totale mancanza di umanità. Per la cattiveria. Per l’ignoranza. Per il cinismo. Per la completa assenza di pudore nel manifestare i pensieri più orribili.
Loro mi hanno risposto, probabilmente giustamente, che questo pensiero non va bene per chi fa politica, perché il nostro dovere sarebbe quello di comprendere le ragioni più profonde di questo atteggiamento, ed attraverso questa comprensione cercare di riconquistare il loro voto. Ragionamento tecnicamente ineccepibile. Sul quale mi sforzo, sinceramente di riflettere.
Nel frattempo arriva il mio taxi. Salgo su ed il tassista nota immediatamente che era venuto a prendermi davanti ad una sede del Pd.
Questa la conversazione che ne consegue:
Lui: “avete chiuso il partito?”
Io: “no no, anzi..”
Lui: “peccato!”
Io non rispondo per non cadere nella provocazione.
Lui, non contento, continua: “dovreste chiuderlo e dargli fuoco!”
Io continuo a tacere…
Ma lui è tenace ed aggiunge: “Anzi, già che ci siete lasciateci qualche negro dentro prima di appiccare il fuoco, così risolviamo due problemi in uno.”
Ecco amici miei, io so bene che abbiamo fatto tantissimi errori. So bene che non siamo riusciti a capire per tempo cosa stesse accadendo. So bene che siamo apparsi distanti dai problemi della gente. So bene che l’analisi di una sconfitta non si può liquidare con “sono gli elettori ignoranti che non ci hanno capito”. So bene che abbiamo sottovalutato la percezione che le persone avevano di un problema che oggettivamente esiste. So bene che l’obiettivo di chi fa politica dovrebbe essere quello di tornare a parlare, e a farsi votare possibilmente, anche con queste persone. E bla bla bla… potrei continuare all’infinito. So tutto.
Però lasciatemi dire, che a me un essere simile fa solo schifo!
Sono snob? Può darsi!
Sono radical chic? Può darsi!
Sono una comunista col Rolex? Può darsi!
Sono politicamente immatura? Può darsi!
Sono legata a vecchi schemi della società? Può darsi!
Ma rimane il fatto che tutto ciò a me fa schifo E schifo è la parola più gentile che mi viene in mente! Stop!
.
Ah… ovviamente io ho continuato il mio silenzio, mordendomi la lingua. Arrivata sotto casa mi sono limitata a pagarlo e sono scesa senza nemmeno dirgli buonasera!
Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.