Forum Italpress, Lagalla: “Più tempo a scuola, specie in aree disagiate”

0
2


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

“Il potenziamento del tempo scuola, anche se all’inizio in forma sperimentale, sara’ un passaggio necessario in Sicilia nei prossimi mesi. Sara’ fondamentale soprattutto nelle aree a maggiore tasso di dispersione scolastica e disagio sociale. Su questa vicenda abbiamo interessato anche il Governo nazionale e abbiamo trovato un riscontro pieno da parte del ministro Bussetti”. A dirlo e’ l’assessore alla Scuola della Regione Siciliana, Roberto Lagalla, nel corso di un forum organizzato dall’agenzia Italpress. “Dai primi di settembre – spiega Lagalla – si costituira’ un tavolo a Roma per mettere insieme risorse regionali e nazionali e avviare un percorso sperimentale che potrebbe partire dal secondo quadrimestre del prossimo anno scolastico, in modo da consentire sia un potenziamento disciplinare nelle ore pomeridiane, sia una serie di attivita’ extracurriculari nei settori della musica, della letteratura, della sport e dello spettacolo. L’obiettivo e’ fare crescere nei ragazzi il senso di identita’ e la consapevolezza che scuola e cultura restano il piu’ potente ascensore sociale”.

Nell’ambito del progetto nazionale “Scuole aperte” che fa riferimento ai fondi del Pon Scuola, “con la collaborazione dei Ministeri della Giustizia e degli Interni – spiega Lagalla – abbiamo gia’ individuato le aree siciliane a maggiore rischio sociale. Sara’ in quelle zone che metteremo insieme le iniziative nazionali con quelle regionali, con un programma che, nei primi anni sara’ sperimentale ma che potra’ diventare sistemico negli anni successivi”.

Il tempo prolungato richiedera’ anche l’adeguamento delle strutture scolastiche: “Si trattera’ di lavorare per la sicurezza, come si sta facendo gia’, ma anche per realizzare mense e luoghi di refezione scolastica, almeno per le scuole dell’infanzia e primarie, e in alcuni casi per le medie”.

Il tempo pieno portera’ anche la necessita’ di un incremento dei docenti in Sicilia: “A regime, sicuramente si’ – dice Lagalla -. Nella fase sperimentale e preliminare, valuteremo insieme al Ministero per l’Istruzione e all’Ufficio Scolastico Regionale come assicurare la copertura delle ore pomeridiane. Copertura che prevede l’intervento dell’associazionismo, del mondo dello sport e dello spettacolo”.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.