Corruzione. Prof, investigatori e sindaci ad Agrigento per svelarne i segreti

0
22
sdr


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il tema della lotta alla corruzione nella Pubblica Amministrazione al centro dei lavori del seminario formativo organizzato dal Libero Consorzio comunale di Agrigento

“Anticorruzione nella pubblica Amministrazione: Semplificazione, pubblicità e trasparenza nella legislazione vigente” è stato il tema di un partecipatissimo seminario di formazione organizzato dal Libero Consorzio Comunale, in programma, oggi, nella sala dello spazio Temenos in Via Pirandello, ad Agrigento. L’evento è stato patrocinato dalla Regione, dall’Assemblea Regionale Siciliana, dall’Università degli Studi di Palermo, dall’Ordine degli Architetti di Agrigento, dall’Ordine degli Avvocati di Palermo e di Sciacca, dall’Ordine dei Commercialisti di Agrigento e dall’Ordine degli Ingegneri di Agrigento.

All’evento hanno partecipato Sindaci e Amministratori Comunali oltre a circa duecento iscritti provenienti dagli ordini professionali e dalla Pubblica Amministrazione. A moderare i lavori del seminario è stato chiamato il giornalista Salvatore Parlagreco, il quale ha partecipato attivamente ai lavori ponendo diverse questioni ai relatori del seminario prima dei loro interventi.

I lavori si sono aperti con i saluti del Dott. Girolamo Alberto Di Pisa, Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, il quale, alla luce della sua profonda conoscenza della materia, ha formulato una serie di proposte in tema di contrasto dei fenomeni corruttivi, tra cui la creazione di una procura nazionale anticorruzione.

La prima relazione è stata tenuta dal Dott. Maurizio Graffeo, Presidente della Sezione di controllo della Corte dei Conti della Regione Siciliana, il quale si è soffermato sul ruolo della Corte dei Conti e sul variegato sistema dei controlli della magistratura contabile nell’attività di prevenzione della corruzione, nonché sulla incidenza negativa dei fenomeni corruttivi nella P.A.. Il Dott. Graffeo ha pure analizzato il danno all’immagine e al decoro e prestigio delle Amministrazioni Pubbliche arrecato dai pubblici dipendenti.

Dopo il Dott. Graffeo, ha preso la parola la Dott.ssa Maria Spatola, Dirigente Divisione Anticrimine Questura di Agrigento, sul tema delle attività della Polizia di Stato nella prevenzione e nel contrasto della corruzione con particolare riferimento alla funzione di prevenzione dei reati contro la Pubblica Amministrazione e sull’etica della responsabilità.

Un saluto ai partecipanti è stato rivolto, poi, dal Sindaco di Agrigento Calogero Firetto, il quale si è soffermato sulla mancanza di risorse economiche che affligge le amministrazioni comunali.

Il Colonnello Pietro Maggio, Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Agrigento,ha spiegato il ruolo del corpo della Guardia di Finanza nella prevenzione dei fenomeni corruttivi, sulle strutture operative a livello provinciale e della collaborazione della Guardia di Finanza con l’Anac, l’Autorità Nazionale Anticorruzione.

La Prof. Maria Cristina Cavallaro, Docente di Diritto Amministrativo dell’Università degli studi di Palermo ha concluso la sessione antimeridiana con una relazione sulla trasparenza come pratica di controllo e buona amministrazione. La Prof.ssa Cavallaro ha ricostruito il percorso legislativo iniziato nel 1990 con l’approvazione della legge n. 241 sul diritto di accesso, per arrivare alla nozione attuale di trasparenza nella P. A. e dei limiti alla trasparenza rappresentati dalla riservatezza dei dati personali.

La sessione pomeridiana ha visto il lungo intervento del Dott. Luigi Patronaggio, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento sul sistema repressivo della corruzione e sulle numerose fattispecie dei reati contro la Pubblica Amministrazione. Il Dott. Patronaggio ha parlato sull’evoluzione legislativa in tema di responsabilità penale, specie sulle misure di prevenzione che consentono la confisca dei beni provenienti da comportamenti illeciti e sul ruolo dell’Anac. Patronaggio ha poi ricordato come occorra migliorare la qualità dei pubblici dipendenti e che bisogna fare prevalere il merito e la competenza rispetto alle nomine per appartenenza politica.

dig

La Prof.ssa Caterina Ventimiglia, Docente di Diritto Amministrativo dell’Università di Palermo ha parlato della nomina, ruolo e poteri della figura del responsabile dei nuovi controlli anticorruzione. La Prof.ssa Ventimiglia ha analizzato il rapporto del responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza con l’OIV, l’organismo indipendente di valutazione per la verifica della performance in chiave di assicurare la massima trasparenza all’attività dei dirigenti pubblici. La Prof.ssa Ventimiglia ha chiesto infine una maggiore valorizzazione di quei dipendenti che hanno a cuore la cosa pubblica per svolgere un’azione più incisiva in favore dei cittadini.

L’ultima relazione è stata tenuta dal Tenente Colonnello Giovanni Pellegrino, Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Agrigento sulle capacità operative ed informative dell’Arma dei Carabinieri nel contrasto ai fenomeni corruttivi. Il Ten. Colonello Pellegrino ha rimarcato la capillarità delle strutture dell’Arma dei Carabinieri che sono presenti e sono presidio di legalità in tutto il territorio provinciale, ricordando che queste strutture svolgono sia un’attività informativa che quella investigativa. Infine si è soffermato sulla necessità di dialogare con le giovani generazioni ed in particolare con gli studenti.

I lavori si sono conclusi con i ringrazianti del dott. Salvatore Parlagreco ai relatori per la qualità dei loro interventi ma anche al folto pubblico presente che ha seguito con molta attenzione l’evento e con una sintesi del Dott. Girolamo Alberto Di Pisa il quale ha riassunto i temi trattati nelle singole relazioni, ricordando come la corruzione non sia genetica ma che sia un fatto culturale. Il Dott. Di Pisa si augura che i lavori di oggi possano giovare ai presenti al seminario, contribuendo all’abbattimento dei fenomeni corruttivi che costano moltissimo alla collettività.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.