La Vardera chiama Salvini per cacciare Vozza, querelato da Md Alamin. Come finirà?

0
549
Banner gennaio 2017 Image Banner 728 x 90


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

“Prendo le distanze delle dichiarazioni di Vozza, parole che non fanno parte del mio modo di intendere la  politica e neppure della mia visione del confronto dialettico tra  opposti schieramenti politici. Siamo davanti a sciacallaggio mediatico che nulla a che fare con la campagna elettorale”. A dirlo  all’AdnKronos è Ismaele La Vardera, candidato sindaco di Palermo,  sostenuto da Noi con Salvini, Fratelli d’Italia e Centro Destra,  commentando il post pubblicato su Facebook da Francesco Vozza,  candidato a Sala delle Lapidi proprio nella lista di Noi con Salvini.  Ad essere preso di mira dal leghista è Md Alamin, in corsa per un  posto di consigliere comunale tra le fila di Sinistra Comune, che ha  già annunciato la querela in sede civile e penale nei confronti di  Vozza. Md Alamin è rappresentante della comunità del Bangladesh alla  Consulta delle Culture.

“Ho chiamato Vozza e gli ho chiesto di rimuovere il post, ma si è  rifiutato di farlo – aggiunge il giovane candidato sindaco -. Mi ha  risposto che sul suo profilo social è libero di mettere ciò che vuole. A questo punto chiederò allo stesso Salvini di prendere le distanze da lui”. Quello utilizzato da Vozza per l’ex Iena in corsa alle  amministrative di giugno è “un linguaggio stupido, bambinesco e  oltraggioso che non rappresenta me e chi mi sostiene”.

“Da palermitano e italiano sono turbato da questo attacco razzista nei miei confronti”. Così, in una nota, il  candidato di Sinistra Comune al consiglio Md Alamin commenta il post  pubblicato su Facebook dal candidato di Noi con Salvini Francesco  Vozza. “Non pensavo che nella mia città potessero esistere simili  forme di intolleranza – aggiunge – Di una cosa, pero, sono convinto:  che questo attacco razzista mi spinge ad andare avanti nella mia  battaglia per i diritti di tutte e di tutti, anche di quelli che  mostrano atteggiamenti di xenofobia che Palermo non merita”.

“Il candidato al consiglio comunale  Francesco Vozza ha sicuramente esagerato nei toni e il suo post sarà  tolto proprio per evitare di essere strumentalizzato. La questione per noi si chiude qui”. A dirlo è Alessandro Pagano, coordinatore di Noi  con Salvini della Sicilia occidentale, commentando il post su Facebook contro il candidato di Sinistra Comune Md Alamni. “Gli immigrati  perbene – aggiunge – sono i benvenuti, sono i nostri fratelli. Questo  è il tratto che ha sempre distinto ‘Noi con Salvini’ e che lo stesso  nostro leader ha sempre ripetuto. Altra questione è l’invasione di  clandestini, nella piena responsabilità politica della sinistra al  governo nazionale e regionale”.

Secondo Pagano infatti “la sinistra, con le proprie politiche delle  porte aperte indiscriminate, ha creato una situazione insostenibile  per le nostre città, inclusa Palermo, con forti tensioni sociali. E i  fatti di cronaca quotidiana lo dimostrano. In Italia gli immigrati  regolari sono parte integrante della nostra comunità ma, come tutti  sanno, ad oltre l’80 per cento dei migranti arrivati sulle nostre  coste non viene riconosciuto lo status di rifugiato”.(Loc/AdnKronos)

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.