Bagarre, scendono in campo Toninelli, Forello e Orlando. Bersaglio: Ferrandelli-Cuffaro

0
645


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Ugo Forello tuona contro le ammucchiate, di centro destra e centrosinistra che fanno emergere ancora una volta i dinosauri della politica, che in Sicilia hanno fatto ilò bello ed il cattivo tempo. E Danilo Toninelli, uno dei portavoce M5S più presenti sulle piazze mediatiche, posta un twitter con il quale non nasconde il suo compiacimento, perché – grazie all’endorsment di Totò Cuffaro, il suo Movimento viene indicato come l’unico nemico da battere. O Noi o Cuffaro, sembra adombrare Toninelli, che ritiene alla portata la fatidica metà del 40 per cento di elettori, che cancellerebbe il secondo turno. “Non c’è spot migliore pert noi”, scrive Toninelli.

Da ultima arriva la dichiarazione, insolitamente sobria, di Leoluca Orlando, che tuttavia non risparmia strali velenosi nei confronti della coalizione avversaria, che vuole mandare Fabrizio Ferrandelli a Palazzo delle Aquile. “Palermo ha vissuto 5 anni di un percorso di liberazione e rinascita, che ha avuto i suoi pilastri nella internazionalizzazione, nell’accoglienza, nella promozione culturale, nella legalita’ e nella estromissione di interessi clientelari e mafiosi da appalti privati in settori delicatissimi come acqua e rifiuti e nelle aziende partecipate del Comune.”, chiosa Orlando. “Un percorso di liberazione da logiche di palude testimoniato dalla nuova attrattivita’ per turisti e imprese, anche culturali e del high tech”.

“Considero altamente rischioso per la citta’ di Palermo e grave per le stesse tradizioni culturali popolari e di destra, conclude il sindaco uscente, “la formazione di una coalizione che appare chiaramente identificata e guidata da chi quei valori ha negato, finendo con il presentarsi come una alleanza di potere del tutto alternativa al percorso di solidarieta’ e di legalita’ di Palermo”.

Il nome non c’è, quello di Totò Cuffaro, ma è come se ci fosse.

La mattinata era iniziata con una intervista a Repubblica di Cuffaro, rilanciata dalle agenzie, e da unai commenti di Fabbrizio Ferrandelli che, presentando la quarta lista, non negava affatto la simpatgia politica dell’ex Presidente della Regione per lui. Ferrandelli si è affidato alla “trasparenza”: meglio, di gran lunga, per lui, dire le cose come stanno agli elettori, il sostegno dei Forza Italia con il suo simbolo da una parte, e quello di Totò Cuffaro e della sua vecchia area politica dall’altro, piuttosto che nascondersi dietro il dito.

Inevitabili e prevedibili i colpi di mortaio degli avversari, grillini da un lato, Orlando dall’altro. A Ferrandelli tocca d’incassare, in questa circostanza. E’ il bersaglio, per ora. Vedremo presto quali frecce ha nel suo arco.

 

 

 

 

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.