“Anassimandro”, a Palermo il festival di “musicofilosofia”

0
895


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Giovedì 30 e venerdì 31 marzo, a Palermo, è in programma “Anassimandro”, festival di musicofilosofia, con la direzione artistica di Gianni Gebbia, celebre figura di improvvisatore musicale di fama internazionale e dagli svariati interessi filosofici.

Dopo una prima edizione, che ha ospitato illustri studiosi, fra cui Michele Cometa, Paolo Emilio Carapezza, Antonio Lavieri, Marco Carapezza, Francesco Vinci, Franco La Cecla e musicisti quali Alessandro Bosetti, Mezzgacano, Dario Lo Cicero e tanti altri, la seconda edizione di Anassimandro si svolgerà nell’arco di due giornate, nell’ex Noviziato dei Crociferi (in via Torremuzza), nel cuore del centro storico di Palermo e del percorso Arabo Normanno dell’Unesco. Il festival è promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Palermo, nell’ambito del “Patto per il Sud”. L’ingresso è libero.

Tra gli intenti principali di “Anassimandro” c’è l’idea di restituire al pensare la propria dimensione performante, lontano dalle cattedre e dalle accademie, accoppiando interventi di vari studiosi a musiche e musicisti difficilmente classificabili. 

La seconda edizione del festival si svolgerà secondo un continuum di mini interventi, volti a formare una sorta di unica pièce, nei quali si alterneranno scienziati come il botanico Manlio Speciale, scrittori come Aurelio Pes, antropologi come Franco La Cecla e Matteo Meschiari, filosofi come Giorgia Visentin, Marco Carapezza e Luca Cinquemani, accanto a concertisti come la solista portoghese Sofia Diniz, specializzata in musica antica, ensemble orchestrali come quello di Mezzgacano, fino all’incontro intitolato “Furio Jesi: Estasi e Mito”, un excursus sulla vita e le opere di uno dei massimi studiosi mondiali del Mito con proiezione di alcuni estratti dal film “Man from Utopia” di Claudio Trombino e Claudia Martino e le musiche di Carlo Trombino.

La tematica di questa seconda edizione è “Forme di Vita / Vita delle Forme”, va al cuore del dibattito filosofico, ad indicare in maniera non restrittiva una microdirezionalità dei temi trattati. La problematica della relazione uomo/ambiente e i suoi limiti e confini è divenuta infatti una delle tematiche fondamentali del dibattito antropologico-filosofico. E perciò, durante il festival si spazierà dall’Urpflanz di Goethe alle ricerche sui mondi animali di Von Uexkull, dal “devenir animal”di Deleuze e Guattari, alla biopolitica di Foucault e Agamben  dalle riflessioni sulla neotenia in Peter Sloterdijk al disfacimento delle culture native nell’Artico di Matteo Meschiari. Dalle ricerche sonore di James Tenney all’art rock, dall’improvvisazione radicale alla ricerca elettronica e la contemporaneità della musica antica. Tutti questi elementi divengono materia di un dibattito-spettacolo aperto, attraverso il quale  le  intelligenze e i talenti artistici locali sfatano micropoliticamente il mito di una provincialità culturale della città.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.