Costa, Siciliani Liberi: “Sicilia derubata da petrolieri e delinquenti”

1
1181
Standard Image Banner 728 x 90


Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

“Il movimento “Siciliani Liberi”, nell’esprimere preoccupazione per le gravissime dichiarazioni rilasciate dall’amministratore di Riscossione Sicilia alla Commissione nazionale antimafia, rileva come, “oltre al danno subito dalla Sicilia per svariate decine di miliardi, possa aggiungersi anche la beffa della disinformazione nazionale italiana, pronta ad alzare il solito polverone sulla Sicilia ‘far west’ e quindi incapace di autogovernarsi”.

“La realta’ che emerge – dice Massimo Costa, presidente del Movimento – e’ ben diversa. Siamo in presenza di un sistema di riscossione che e’ forte, anzi spietato, solo con i deboli, e che invece si piega con i forti, a partire dalle compagnie petrolifere che a quanto pare non hanno mai versato un centesimo nelle casse della Regione ‘perche’ nessuno glielo ha mai chiesto’, e a seguire con congreghe sostanzialmente criminali. Ad essere danneggiato da questa evasione non e’ lo Stato italiano, ma la Regione e i Comuni siciliani, e quindi tutti i Siciliani, ma cio’ che pare inverosimile e’ il fatto che Riscossione Sicilia non abbia attivato tutti gli strumenti coercitivi che l’ordinamento le mette a disposizione per poter svolgere correttamente il proprio lavoro”.

“Non esistono tribunali in Sicilia? Non esiste Polizia, Guardia di finanza?” prosegue il comunicato del Movimento. “Se Riscossione Sicilia non avesse attivato gli strumenti che si rendono necessari per reprimere comportamenti malavitosi cosi’ gravi, ci sono responsabilita’ locali da individuare, dentro Riscossione e dentro la Regione. Ma se – viceversa – questi strumenti fossero stati attivati, allora tutta la responsabilita’, morale e politica, di questo gigantesco scandalo ai danni della Sicilia ricadrebbe sullo Stato italiano che, con la propria inerzia, si sarebbe reso indirettamente complice dei malavitosi e delle compagnie straniere, trattando la Sicilia come l’ultimo dei possedimenti coloniali”, sottolinea Massimo Costa, che aggiunge: “Qui e’ la Sicilia ad essere derubata da petrolieri e delinquenti, e lo Stato quanto meno sta a guardare (se Fiumefreddo ha detto la verita’, beninteso). E invece si alzera’ il polverone contro’ la Sicilia, vogliamo scommettere? Alla fine la colpa sara’ – manco a dirlo – dello Statuto siciliano. Non vediamo l’ora di andare al potere in Sicilia e scortare gli esattori siciliani sulle piattaforme off-shore con la nostra polizia”, conclude il leader del movimento “Siciliani Liberi”.

 

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.


1 commento

  1. Non vediamo l’ora di andare al potere in Sicilia e scortare gli esattori siciliani sulle piattaforme off-shore con la nostra polizia”, conclude il leader del movimento “Siciliani Liberi”.
    Orripilante leggere queste stranezze del tutto figlie dell’Indipendenza. Amen

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.