Jobs act, ecco i referendum proposti dalla Cgil  

0
37
Fonte: adnkronos.com
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Un quesito bocciato, quello più sensibile sull’articolo 18, e due che hanno ottenuto luce verde, sui voucher e sulla responsabilità solidale in negli appalti. Ecco le proposte referendarie avanzate dalla Cgil su cui si è espressa, in termini di ammissibilità, la Consulta. Ora si apre da parte del sindacato di Corso d’Italia la campagna per il sì sui due referendum che, fatta salva l’ipotesi di elezioni anticipate, dovranno tenersi fra il 15 aprile e il 15 giugno 2017.  ARTICOLO 18: obiettivo della Cgil era quello di ripristinare la possibilità di essere reintegrati nel posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo per tutte le aziende al di sotto dei 15 dipendenti e fino a 5, recuperando così “un principio fondamentale” di giustizia sul lavoro. Il quesito chiedeva di abolire la normativa attuale che in caso di licenziamento illegittimo prevede per i nuovi contratti a tutele crescenti il pagamento al lavoratore di un’indennità che cresce con l’anzianità di servizio, da un minimo di 4 ad un massimo di 24 mensilità. Il ripristino della ‘reintegra’ al posto dell’indennizzo si sarebbe dovuta estendere per la prima volta anche alle aziende al di sotto dei 15 dipendenti e fino a 5. Nelle aziende con meno di 5 addetti il reintegro, chiedeva ancora la Cgil, non sarà automatico ma a discrezione del giudice e nel caso sarà il lavoratore a scegliere tra un risarcimento congruo o il rientro in azienda. VOUCHER: obiettivo della Cgil è l’abrogazione dei così detti Buoni per il lavoro accessorio, gli assegni da 10 euro lordi, 7,50 euro netti, con cui attualmente si possono pagare un ampio spettro di prestazioni accessorie entro un tetto di 7mila euro l’anno. Strumenti, questi, nati nel 2003 con la riforma Biagi in versione anti-sommerso e circoscritti alle prestazioni di studenti e pensionati, poi ampliati nell’applicazione dal governo Berlusconi nel 2010 fino alla modifica del tetto massimo annuale dal governo Renzi, il cui utilizzo è lievitato in maniera esponenziale soprattutto nel 2015 ma che nel 2016 ha toccato quota 121,5 milioni di assegni venduti, secondo gli ultimi dati Inps. Dati che prefigurerebbero un abuso nel loro utilizzo, il motivo per cui la Cgil ne chiede l’abrogazione: “le disposizioni di legge hanno consentito un utilizzo di questo istituto improprio ed invasivo, tale da favorire forme incontrollate di precariato”.  APPALTI: obiettivo della Cgil è il ripristino della piena responsabilita’ solidale in tema di appalti. Il quesito perciò chiede di abrogare le attuali disposizioni di legge con le quali per il sindacato è stata attenuata e vanificata la responsabilità datoriale verso i lavoratori. Nel mirino la legge Biagi, in particolare il decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, recante “Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30 comma 2”. Per il sindacato, che vuole così ostacolare eventuali pratiche di concorrenza sleale proteggendo i lavoratori occupati negli appalti e sub appalti coinvolti in processi di esternalizzazione, ci deve essere infatti un’uguale responsabilità, in tutto e per tutto (responsabilità solidale), tra appaltatore e appaltante nei confronti di tutto ciò che succede nei rapporti di lavoro.  

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.